Progetto il Lago

On 12 agosto 2017 by Nonna Tina

Con questo progetto educativo vogliamo fare conoscere ai bambini il lago. Esso come il mare è un ambiente ricco di vita. Molti amano il lago ed in estate preferiscono trascorrervi le loro vacanze.

Iniziamo, leggendo ai nostri bambini la storia inedita di Nonna in Fabula “L’Arso“, che racconta di un piccolo borgo e del suo lago.

lago-grande-_the-great-lake_-in-susa-valley_-avigliana_-turin_-italy

OBIETTIVI

Conoscere il lago in tutti i suoi aspetti

Conoscere la flora e la fauna

Conoscere la formazione del lago

 

CONOSCIAMO IL LAGO

Come spiegare ai bambini che cos’è il lago.

Possiamo dire loro che il lago è un piccolo mare di acqua dolce che ha una profondità di qualche decina di metri. Esso è un luogo di vita. La bellezza del paesaggio, la limpidezza e freschezza delle sue acque affascinano tutti.  Molte persone dalla città si recano al lago durante l’estate per riposare, per svagarsi e ritrovare le forze perdute dopo una malattia. La temperatura d’inverno è mite.

FLORA

 Sulle rive del lago si trovano alberi di ulivi e viti, aranci, cedri, limoni, fichi d’India. Nei giardini dei paesi e delle cittadine che sorgono sulle rive del lago si coltivano fiori bellissimi come azalee, magnolie, rose, camelie, rododendri, gardenie, ecc… Nelle terre vicine al lago si coltivano tanti ortaggi.

La flora è costituita da alghe, muschi, piante galleggianti, felci, edere, canne, tigli, pini, noci, pioppi, salici, olmi, ginepri, alloro, acacie, querce, agrifoglio, biancospino. In altre parole troviamo tutte le piante tipiche del clima mediterraneo.

FAUNA

La fauna è ricca di pesci, di uccelli ed altri animaletti.

Nelle acque del lago troviamo tanti pesci belli e colorati: trote, lucci, anguille, carpe, storioni, tinche, lavarelli, alborelle, salmerini, persici e tanti altri.

In questo ambiente troviamo tanti uccelli come il germano reale, l’airone rosso, il falco di palude, l’airone cinerino, il martin pescatore, la gallinella d’acqua, tuffetto, folaga, ecc …

Sulle rive del lago vivono rane, rospi, bisce d’acqua, tritoni, libellule, ecc…        

Nei boschi, nei castagneti,  nelle pinete e nelle faggete, che si trovano nei dintorni del lago, vi sono scoiattolini, volpi, ricci, cinghiali, caprioli, daini, cervi, ghiri, faine, istrici, lepri, talpe, ecc…

COME NASCE UN LAGO

Il lago è una conca naturale piena d’acqua e può formarsi in modi diversi.

  • Questa conca naturale formatasi in seguito ad una frana può essere riempita dall’acqua fresca dei ruscelli e torrenti
  • L’ acqua piovana può riempire la conca naturale di un cratere
  • La conca naturale può essere riempita dall’acqua che si ottiene dallo scioglimento delle nevi

Tutti questi tipi di laghi sono naturali perché  si formano senza l’intervento dell’uomo. Ci sono anche laghi artificiali che vengono realizzati dall’uomo.

IN CHE MODO?

L’uomo  sbarra il corso di un fiume con una diga e così l’acqua  riempie la valle. Questi laghi artificiali servono per produrre energia elettrica,  per irrigare i campi, per l’industria e per rifornire gli acquedotti. I laghi artificiali sono alimentati  dall’acqua piovana.

 MEZZI DI TRASPORTO

Il lago viene utilizzato come via di comunicazione. Battelli ed imbarcazioni  traghettano continuamente persone e merci da una sponda all’altra.

Nella nostra bella penisola ci sono tanti laghi e laghetti naturali ed artificiali. Il più grande è il lago di Garda.

POESIE – FILASTROCCHE

LAGO

Piccolo lago in mezzo ai monti – il giorno

le calde mucche bevono ai tuoi orli;

a notte specchi le stelle …

           (Umberto Saba)

LA BARCA SUL MARE

Va la barca a navigare

né sul fiume né sul mare.

Va sul lago piano piano,

non andrà molto lontano.

C’è chi i pesci vuol toccare,

chi nell’acqua disegnare.

C’è una cesta piena di panini,

latte, fragole e budini.

Dentro l’acqua il cielo trema,

c’è chi gioca e c’è chi rema.

             (Piumini Roberto)

FILASTROCCA DEL LAGO ROTONDO

Filastrocca del lago rotondo

dove un pescetto

nuota sul fondo.

Se voi gli dite che il mare è più

grande, forse vi ascolta,

ma solo un istante.

E poi riprende sul fondo a girare …

E’ quello il suo mondo,

e lì vuol sognare!

            (tratta da: www. Salta in bocca. it)

LA FILASTROCCA DEL LAGO

Questa pioggia sopra il lago

è l’incantesimo di un mago

e di un mago assai potente

ma per nulla prepotente …

Un mago molto sfortunato

perché è stato rifiutato

da una principessa molto bella

che si chiama Caramella.

Caramella non lo vuole

perché è brutto e con la mole

ed il mago disperato

tante lacrime ha versato …

Dalle lacrime ecco il lago

che ha creato il triste mago

con quei brutti nuvoloni

di singhiozzi e sospironi …

Ma se dopo spunta il sole

vuol dir che il cuore non gli duole

  perché i mali vanno e vengono

ma i sorrisi poi ritornano.

       (tratto da: TELESETTE SU EFP FANFICTION)

IL LAGHETTO

Un laghetto su in montagna

 se ne sta tra abeti e pini.

Le sue acque dolci e chiare

 invitano a nuotare.

Al mattino il sole vi si specchia

e la notte tocca  alla bianca luna.

Pesci e pesciolini guizzano,

si rincorrono,  giocano

come bambini.

Tutti son felici in quel piccolo mondo

perché  tutto è bello e giocondo.

            (Nonna Tina)

IL BATTELLO        

Com’è bello andare sul lago con il battello

quando soffia il venticello.

Esso scivola sull’acqua pian pianino

cullato dalle ondine.

A volte, quando c’è burrasca

esso sembra un vecchio brontolone

e barcolla come un beone.

La notte il battello si muove tra mille lucine

che fanno del lago un cielo pieno di stelline.      

                (Nonna Tina)

INDOVINELLI

La mia acqua è dolce,

assomiglio al mare.

Indovina indovinello io sono il … (lago)  (Nonna Tina)

…………………………………………………………………………………………….

Trasporto persone da una sponda all’altra del lago.

Spesso sono così pieno da non poter contenere neppure più un ago.

Io sono, o giovincello, il … (battello)  (Nonna Tina)

Sono un pesce delicato

che vien gustato da ogni palato.

Vivo nel lago in ogni stagione

Io sono lo … (storione)  (Nonna Tina)

……………………………………………………………

Sono io la regina del lago.

Tutti mi vorrebbero pescare,

ma io all’acqua son devota,

io sono la… (trota) (Nonna Tina)

……………………………………………………………………

Vivo sulle sponde del lago

dove ci sono acquitrini.

Lì cresco i miei girini

Se ascolti il mio verso mi riconosci cra cra (la rana) (Nonna Tina)

GIOCHI

  DISEGNI SU SASSI

I bambini potranno divertirsi un mondo a realizzare dei disegni sui sassi. Si costituirà una giuria di bambini che sceglierà e premierà le opere più belle. Per non mortificare nessuno si daranno a tutti dei premi.

PIGNE

Al comando dell’educatrice: – Via!

I bambini devono in un tempo stabilito raccogliere le pigne dei pini o abeti che si trovano nei dintorni del lago. Vince chi ne raccoglie di più.

Con le pigne raccolte i bambini, lasciandosi guidare dalla fantasia, potranno realizzare delle personali creazioni.

 LA TORRE

Si raccolgono dei sassi di diversa grandezza e con essi i bambini dovranno erigere una torre. All’inizio si pone come base un sasso grande e man mano sempre più piccoli. I bambini a turno devono mettere un sasso alla volta cercando di non fare cadere i sassi già posti. Chi fa cadere la torre esce dal gioco.

 DISEGNI SULLA SABBIA  O TERRA BAGNATA

I bambini con un bastoncino di legno potranno divertirsi a tracciare sulla sabbia o sulla terra bagnata dei disegni.  L’educatrice potrà indicare, di volta in volta, l’elemento da disegnare. Vince chi nel tempo stabilito  riesce a realizzare il disegno.

I CERCHIETTI

Con un bastoncino si tracciano sulla sabbia o sulla terra dei cerchietti ad una uguale distanza uno dall’altro. I cerchietti devono essere tanti quanti sono i bambini.  Al centro di ogni cerchietto collochiamo un numero.

Tutti i partecipanti al gioco devono disporsi su una linea di base e devono avere appuntato sul petto un proprio numero.

Al comando dell’educatrice: – Trovare il proprio numero!

I bambini devono trovare il proprio cerchietto e, una volta trovato si devono mettere davanti ad esso in piedi. Ad ogni giro i numeri cambiano cerchietti. Chi sbaglia a trovare il proprio cerchietto con il suo numero esce dal gioco.

Se i bambini sono piccoli e non conoscono ancora i numeri possiamo sostituirli con figure. (fiori, oggetti, animali, ecc…)

                           (Nonna Tina)

Altri giochi potete trovarli nei progetti “Progetto l’Ambiente Marino per Bambini di 3-4 Anni (Rivolto agli Insegnanti)“, “Progetto l’Ambiente Marino per Bambini di 5-6 Anni (Rivolto agli Insegnanti)“, “Giochi da Vacanza all’aria aperta!“.

 ATTIVITA’ MANIPOLATIVE E COSTRUTTIVE                  

COSTRUIAMO UN BATTELLO

20170730_124151

Per realizzare un battello utilizziamo un cartone resistente. Io ho riciclato la scatola di una colomba pasquale. I bambini potranno colorarlo a loro piacimento e potranno disegnare, colorare e ritagliare dei bambini e delle persone adulte da collocare nel battello. Si può realizzare la cabina del capitano e disegnare su cartoncino il capitano stesso.

CONOSCIAMO LE PIANTE DEL LAGO

Per conoscere le piante del lago realizziamo un cartellone murale. I bambini possono disegnare le piante oppure ritagliarle da depliant o riviste.     

QUADRETTO CON IL LAGO

20170730_123056

Prendiamo un cartoncino rettangolare e tracciamo un disegno rappresentante il lago. Usando la tecnica del collage riempiamo il lavoro con dei pezzetti di carta colorata che i bambini possono ricercare e ritagliare da giornali e riviste. Infine essi li incolleranno.

LA GARDENIA

20170730_123343

Prendiamo un cartoncino colorato e al centro vi incolliamo la gardenia realizzata con la carta velina bianca. Completiamola con foglie verdi.

La gardenia è un fiore che si coltiva nei giardini delle villette che si trovano vicino al lago. Il lago è l’ambiente giusto per crescere. Essa infatti ama il clima mite.

COSTRUIAMO UN PICCOLO LAGO

Per fare capire ai nostri bambini che cosa è un lago possiamo costruirlo insieme a loro nel giardino della scuola. Ad ogni bambino forniamo una palettina con la quale scavare nel terreno una buca. Dopo aver scavato la buca mettiamo sul fondo uno strato di sabbia e su di essa dei giornali. Infine collochiamo sui giornali un telo impermeabile. Arrivati a questo punto facciamo riempire il lago ai bambini d’acqua servendosi di secchielli. Intorno al bordo del laghetto collochiamo dei sassi. Popoliamo il laghetto con pesciolini, rane, rospi, lumache e altri animaletti. Se si vogliono piantare delle canne di bambù e delle ninfee bisogna mettere nel fondo del laghetto della terra.   

Questa senza dubbio sarà per i bambini un’esperienza entusiasmante e significativa.

SCHEDE DI VERIFICA E APPROFONDIMENTO

battello collega trota

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *