La Ninfa del Lago di Carezza

On 22 agosto 2017 by Nonna Tina

Tanti e tanti anni fa nel lago di Carezza viveva una fatina bellissima con una voce melodiosa. Con il suo canto deliziava i viandanti che passavano di là o si fermavano a riposare sulle sponde del lago.

Un giorno lo stregone Masaré la sentì cantare e si innamorò di lei.

ninfa-del-lago-di-carezza

Egli usò tutti i mezzi e tutti i suoi poteri per conquistare la stupenda fatina del lago, ma senza successo. Lo stregone allora chiese aiuto alla strega Langwerda che gli consigliò di travestirsi da venditore di gioielli e di collocare tra le due montagne che sovrastavano il lago un grande arcobaleno. Dopo di che doveva correre al lago di Carezza per attirare la fatina sulla sponda e rapirla. Lo stregone ascoltò i consigli della strega, ma commise un errore: dimenticò di travestirsi. La fatina per vedere quel meraviglioso arcobaleno che univa le due montagne raggiunse la superficie del lago. Ma quando ella scorse lo stregone sulla sponda del lago s’impaurì e si tuffò nelle acque e da allora nessuno la vide più.

Lo stregone dalla rabbia e dal dolore strappò l’arcobaleno, lo ridusse in mille pezzi e lo gettò nel lago. Da quel giorno il lago di Carezza ha tutti i colori di quell’arcobaleno che vanno dall’azzurro al verde, dal rosso all’indaco, dal giallo all’oro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *